Indirizzo
Parco Nazionale del Vesuvio
Via Bosco del Monaco, 34
80040 Trecase (NA)
tel: +39 081 8628956

Email: info@casasetaro.it
Web: https://www.casasetaro.it

Regione: Campania

Vini prodotti
Campanelle Falanghina Campania Igt
Munazei Bianco Lacryma Christi Del Vesuvio Doc
Munazei Rosso Lacryma Christi Del Vesuvio Doc
Munazei Rosato Lacryma Christi Del Vesuvio Doc
Aryete Vesuvio Caprettone Doc
Terramatta Aglianico Campania Igt
Pietrafumante Caprettone Spumante Metodo Classico
Fuocoallegro Vesuvio Piedirosso Doc
Bosco Del Monaco Contradae 61.37 Vesuvio Doc
Don Vincenzo Lacryma Christi Del Vesuvio Doc Riserva

Quattordici ettari vitati sulle pendici del Vesuvio, con le vigne a piede franco che si fanno strada tra la pietra lavica e i lapilli a un’altitudine compresa tra i 150 e i 400 metri s.l.m: qui, inizia il racconto della famiglia Setaro che, da generazioni, sia dedica alla viticoltura. E se di certo far vino autentico non è mera questione di calcoli, è pur vero che i numeri aiutano a raccontare le storie. Quella di Casa Setaro nasce a Trecase ufficialmente solo nel 2005, quando Massimo Setaro e la moglie Mariarosaria creano la cantina sotto all’abitazione di famiglia. 

Le origini però sono molto più lontane: si basa sulla trasmissione di filari, di competenze e passione, da padre a figlio. Alla base c’è un modo di far vino antico – a cominciare dall’utilizzo del tradizionale metodo della propaggine per moltiplicare Ie viti dalla pianta madre – e moderno allo stesso tempo. La volontà è quella di preservare un territorio, i suoi vitigni a rischio di estinzione, a cominciare dal Caprettone, di cui Massimo è stato il primo a vinificare con Metodo Classico, nel “Pietrafumante”. 

Il tutto con un piglio contemporaneo che si riflette tanto nelle interpretazioni identitarie delle denominazioni locali – dal Lacryma Christi del Vesuvio Doc nella linea “Munazei” fino al Piedirosso “Fuocoallegro” e al Caprettone “Aryete” affinati in anfora – quanto alle nuove sperimentazioni, agli studi sul terroir, che hanno visto nascere la prima “contrada” (primo progetto di zonazione fatto sul Vesuvio) con “Contradae 61-37” Vesuvio Doc. Siamo nel Parco Nazionale del Vesuvio e, calpestando gli stratificati suoli vulcanici fino a Bosco del Monaco, dove si svolgono le degustazioni in cantina, è chiara l’attenzione alla sostenibilità e alla biodiversità, in qualche modo parte dell’eredità “naturale” dei Setaro.

I VINI

Pietrafumante | Caprettone Spumante Metodo Classico
Color giallo paglierino brillante. Perlage fine e persistente.
Al naso, sentori floreali di ginestra e fiori bianchi, con note fragranti di pane
e agrumi a polpa bianca. Elegante e fresco al palato, di grande struttura,
con un sorso lungo e minerale

Scheda Tecnica Pietrafumante

Contradae 61.37 | Vesuvio DOC
Un blend nato da un progetto di zonazione e salvaguardia della biodiversità, attraverso tre vitigni campani, che insistono in quest’area da inizio Novecento, per mano di contadini vesuviani. Color giallo intenso dorato, al naso emerge una complessità olfattiva che spazia dai fiori gialli, erbe selvatiche e basalto. Al palato, è succoso, con una sapidità sferzante, condito da note che vanno dall’albicocca alla pesca integrale a fiori di ginestra, gesso, macchia mediterranea, per un sorso fresco e piacevolmente lungo.

Scheda Tecnica Contradae 61.37

Don Vincenzo | Lacryma Christi del Vesuvio DOC Riserva
Color rosso rubino intenso con riflessi granato, floreale
e fruttato con sentori di gerani e ciliegie, con bel finale ammandorlato,
note vulcaniche e speziate. Tannino sotteso e vellutato, gusto di grande equilibrio e persistenza

Scheda Tecnica Don Vincenzo

Visited 89 times, 1 visit(s) today
Close Search Window
Chiudi