Scritto da 10:18 Wine News

Festa rosa delle Donne del Vino della Campania

Assaggi, sfilata di moda, musica e un incontro, svoltosi alla presenza del console generale Lize Moutoumalaya, moderato dalla giornalista Donatella Bernabò Silorata, che ha proposto una panoramica dei vini francesi e campani in degustazione serviti dalle sommelier socie.

Un momento doveroso di riflessione, con le esperte e socie Chiara Moio, Monica Salvatore e la sottoscritta (ndr: Monica Piscitelli), prima della festa finale, sulla ormai consolidata “moda” dei “Pink Wines”, che travolge in questi ultimi anni i mercati di tutto il Mondo.

 

La presidente nazionale delle Donne del Vino,Daniela Mastroberardino,nel portare i suoi saluti ha detto: “Italia e Francia sono due Paesi con tanto in comune: il vino è un prodotto importante della bilancia dei pagamenti di entrambi e motore di valorizzazione di molti dei loro territori, senza contare le implicazioni di carattere culturale. ‘Les vins rosès de Campanie et France’ è una speciale occasione di incontro, confronto nel nome della diversità, che è ricchezza e forza propulsiva di crescita. Ringrazio Lise Moutoumalaya per aver aperto alle Donne del Vino un posto incantevole, ricco di storia e cultura qual è l’Institut Français di Napoli. Grazie anche alle ‘Femmes de Vin’, che, con la loro partecipazione, hanno dato testimonianza tangibile dei valori di quel network internazionale che, fortemente, abbiamo voluto costituire coinvolgendo le associazioni femminili dell’enologia di altri undici Paesi. Dalla Campania, terra di tradizioni vinicole antichissime, guardiamo al mondo per essere sempre più protagoniste di sviluppo!”.

La serata – conclusasi con gli assaggi dei vini francesi di Provence, Languedoc, Loire e Rhone e campani rosati da aglianico e piedirosso proposti – è stata la occasione per la delegata campana Valentina Carputo, con la presenza della collega Gilda Guida tra gli interventi,  di fare il punto sulle attività in corso, tra le quali “Donne, Vino: un Mondo unito” delle quali la serata faceva parte. “E stato per la nostra Associazione un momento particolarmente significativo e di grande spessore. É stato per me un onore presentare al Console generale Moutoumalaya  la nostra delegazione, le professionalità che ne fanno parte e le nostre produzioni. Siamo fiere della incredibile sinergia che si è creata con le altre Associazioni presenti in tutto il Mondo ed, in particolare, con quella francese guidata da Aurélie Bertin, con la quale condividiamo finalità e obiettivi. Abbiamo già in cantiere ‘Connection’, il progetto che, negli ultimi due anni, ci ha permesso divulgare territori e vini delle straordinarie donne che aderiscono alla Associazione. Una iniziativa che riscuote grande successo e, a breve, ritornerà con una piccola sorpresa!”.

Intanto nei giorni scorsi,  alla presenza delle istituzioni, si è concluso “Progetto D-vino” , programma di sei incontri professionalizzanti destinati agli studenti dell’IPSEOA Duca Di Buonvicino di Napoli, e agli Istituti alberghieri e turistici tutti, che ha visto  l’intitolazione dell’aula didattica destinata alla Pizzeria alla memoria di Genny Cesarano, vittima innocente della criminalità.

Visited 12 times, 1 visit(s) today
Condividi

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti e inviti agli eventi sul mondo del Vino
Close Search Window
Chiudi