Scritto da 11:00 Viaggi

Sardegna: terra di vino, da oltre tre millenni

grimaldi lines

Non solo mare. Famosa per le sue acque caraibiche, le calette e le spiagge selvagge, la Sardegna è anche, o forse soprattutto, una meta da wine lovers. L’isola conta 368 aziende vinicole e 1883 vini. E sono 8 le strade del vino che disegnano la mappa di viaggio.

Ogni territorio ha i suoi vitigni e i suoi vini: ecco il vermentino in Gallura, il torbato e il cagnulari ad Alghero, il carignano nel Sulcis, il cannonau in Ogliastra e Nuorese, il monica e il nuragus nel Campidano, la vernaccia nell’Oristanese, la malvasia a Bosa. Pochi sanno che i sardi furono i primi vinificatori nel Mediterraneo, una scoperta che contribuisce a rendere uniche storia e tradizione della produzione del vino nell’Isola: i vitigni antichi sono molto simili a quelli lavorati ancora oggi. Il torchio di Monte Zara è prova inconfutabile, il pozzo nuragico di sa Osa (XV secolo a.C.), a Cabras, è stato ‘frigorifero’ naturale di vinaccioli di vernaccia e malvasia. I vasi sardi del Bronzo recente e finale – ciotole, brocche e attingitoi – sono tutti associabili a riti cerimoniali e consumo di bevande. Il vino era anche esportato: a largo di Malta, dai resti di una nave sono state riportate alla luce anfore vinarie, tipiche della produzione ceramica dell’Isola, segno inequivocabile che fossero ‘sardi’, usati per commerciare col Mediterraneo orientale già nel IX secolo a.C.

Un gran numero di vitigni selvatici addomesticati in preistoria è coltivato ancora oggi e tanti sono i vitigni autoctoni, identitari del territorio. La produzione vitivinicola che ne deriva è molto ampia e varia, contempla vini da vitigni inclusi in produzioni doc come il nuragus e il monica, diffusi in gran parte dell’Isola; il nasco, tipico del sud Sardegna e il nieddera coltivato intorno a Oristano. E comprende vini da vitigni autoctoni poco diffusi, quali il granatza in Barbagia, il licronaxu dell’Oristanese, il cannonau bianco, tipico della Sardegna centro-orientale, il girò del Mandrolisai, il caricagiola in Gallura, e il vernaccia di Oristano, unico al mondo, apprezzato, tra gli altri, da letterati quali Dante, Boccaccio, Shakespeare e Cervantes.

Foto fonte Capichera IG

Ogni vino meriterebbe un viaggio a sé per conoscere l’anima agricola dell’isola, la più autentica. Un viaggio da percorrere on the road, imbarcando l’auto su una delle navi di Grimaldi Lines che raggiungono i principali porti dell’isola con partenze da Napoli, Palermo, Civitavecchia, Livorno e Savona, navi moderne, con un’età media di soli 10 anni, veloci e sicure, ad alto confort ed equipaggiate con tanti servizi di qualità.

Da Civitavecchia e Livorno si raggiunge Olbia: da qui, si fa rotta sulla Gallura, terra aspra ed affascinante come poche, dai paesaggi mozzafiato. Terra di elezione di uno dei più nobili vitigni italiani: il Vermentino. Vale una visita la Tenuta Matteu: ospitata dalla cima del massiccio granitico in località Matteu, che si estende per 35 ettari, rappresenta la quintessenza del vigneto gallurese dedicato a sua maestà il Vermentino. Un vigneto di 12 ettari, come una terrazza sul mare a circa 300 metri di altitudine, che guarda lo strabiliante arcipelago de La Maddalena. Dalla roccia di granito, che diventa terra nobile da coltivare ad uva, nasce il primo Vermentino di Gallura DOCG dell’azienda, annata 2016, Soliànu, per circa 20.000 bottiglie.

matteu

Fonte Tenute Ledda IG

Sempre da Olbia, si raggiunge Arzachena una delle zone più profumate della Sardegna: paesaggi mozzafiato, spiagge di incomparabile bellezza, colline ricoperte di vigneti e tesori archeologici. Un vasto territorio, unico nel suo genere costituito principalmente da macchia mediterranea con corbezzoli, mirto, lentischio e ginepri. È qui che nasce il Vermentino di qualità della cantina Capichera, diventato uno dei riferimenti internazionali per questo bianco oramai riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Capichera nobilita da anni i suoi bianchi grazie ad un lavoro di continuo e costante miglioramento anche sui materiali di affinamento: un vino Capichera può invecchiare in bottiglia anche 20/25 anni mantenendo intaccata la sua struttura. Il primo Vermentino etichettato Capichera è stato distribuito nel 1981, e da allora si è passati dal mercato regionale a quello nazionale ed internazionale con produzione limitata. Una volta arrivati in cantina, immersa nel folto della macchia mediterranea che abbraccia le vigne, si può scegliere tra diversi percorsi di visita e degustazione. A bordo di una Golfcart si fa un suggestivo tour delle vigne di circa 20 minuti e, a seguire, una degustazione di vini e una selezione di prodotti tipici d’eccellenza. Per vivere le esperienze in vigna è necessario prenotare: visit@capichera.it

Fonte foto Capichera IG

Con partenza da Civitavecchia e Savona si raggiunge Porto Torres, prima colonia romana dell’isola, affacciata sul mare al centro del golfo dell’Asinara. A mezz’ora d’auto da Porto Torres merita assolutamente una visita una delle tenute più grandi d’Europa: Sella & Mosca, situata ad Alghero, 650 ettari di macchia mediterranea e vigneti che regalano le due principali DOC sarde, Vermentino di Sardegna e Cannonau di Sardegna. Va inoltre segnalata la DOC Alghero, che ha radici lontane nella regione denominata “Nurra”, parte nord-occidentale della Sardegna il cui disciplinare è stato approvato nel 1995. Questa zona dona ai vini un carattere particolare e unico grazie ai terreni argillosi, sabbiosi e calcarei contaminati dalla brezza marina.

Foto. fonte SellaeMosca IG

Sbarcando a Cagliari da Civitavecchia, Napoli o Palermo e risalendo l’isola verso Jerzu, tra i pendii che dal Gernagentu portano al mare, sulle coste ogliastrine, una bella sosta è alla cantina Antichi Poderi per una degustazione dei vini e l’assaggio di prodotti tipici dell’Ogliastra e un tour tra le barrique. Si attraversa così la cantina “orizzontale” con i vasi vinari in cemento e, percorrendo le scale, ecco la tinaia e la barriccaia dove il vino si affina. Ultima tappa è il nuovo spazio museale.

Fonte Foto Jerzu Antichi Poderi IG

Per saperne di più su Grimaldi clicca QUI

Sui vini in Sardegna

Visited 9 times, 1 visit(s) today
Condividi

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti e inviti agli eventi sul mondo del Vino
Close Search Window
Chiudi