Scritto da 11:00 Personaggi

Uno chef in 7 domande: Rocco De Santis

“Ho un forte legame con le mie origini. La Campania mi ispira con emozione e facilità.” Queste le parole di Rocco De Santis, chef classe1979 nato a Salerno formatosi sotto la guida di celebri maestri tra cui Gennaro Esposito, Pino Lavarra, Georges Blanc, Andrea Aprea e Pierfranco Ferrara. Un viaggio continuo lungo lo stivale che l’ha visto approdare nel 2017 nella bella Firenze dove è Due Stelle Michelin al Santa Elisabetta al Brunelleschi Hotel. Lo abbiamo intervistato e, per quanto il legame con il suo territorio sia fortemente radicato, ci ha confessato di essere molto affascinato dalla cucina giapponese. Leggete il resto dell’intervista per conoscere meglio lo chef De Santis.

Il tuo confort food
Adoro il club sandwich, piatto che spesso mangio durante i miei giorni di riposo in famiglia.

L’ingrediente che secondo te si imporrà nel 2024?
Il food trend da tenere d’occhio nel 2024 sono certamente tutti quegli ingredienti salutistici e definiti super food. Vince sempre l’autenticità di quei cibi tradizionali in grado di evocare sapori e ricordi che ci riportano in maniera emotiva alla nostra infanzia. Ed è quello che cerco di fare io al Santa Elisabetta un revival culinario che tende ad unire i sapori di una volta con i nuovi ingredienti utilizzando tecniche innovative.

Il tuo piatto evergreen in carta
La triglia in crosta di pane 2015

Cosa non mangiavi da piccolo
Per mia fortuna mia mamma mi ha dato una grande educazione alimentare, non facendomi mai mancare nulla dalla carne al pesce alle verdure, per cui mangiavo tutto, ovviamente sono molto goloso, quindi ero cintura nera di dolci fatti in casa.

Cucine del mondo, quale?
Mi ispira moltissimo quella giapponese.

A cena con amici, cosa prepari?
Bella domanda, di solito i miei ospiti si aspettano sempre qualcosa di unico quando vengono a casa mia, per tanto mi diverto spesso a far assaggiare qualche piatto che propongo al ristorante, ma anche grandi classici della mia terra dalla pasta e patate, alla parmigiana, gnocchi, adoro cucinare per i miei amici.

Il tuo indirizzo food preferito
Questa domanda rischia di creare un caso diplomatico ahahahah…diciamo che le mie ultime esperienze culinarie hanno soddisfatto a pieno le mie esigenze, giro molto dalla trattoria all’asiatico, passando per i ristoranti stellati fare un solo nome, mi torna difficile.

Visited 48 times, 1 visit(s) today
Condividi

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti e inviti agli eventi sul mondo del Vino
Close Search Window
Chiudi