Scritto da 11:44 Non solo vino

MILANO, il Quadri Bistrot a Brera

Bistrot e cocktail bar, fine dining e spazio d’arte: è il locale di Riccardo Quadri a Milano, nella storica via Solferino. Un indirizzo eclettico che piace ad ogni ora del giorno.  

Quattrocento metri quadri su due livelli, con archi e mattoni a vista, un lungo bancone bar, arte contemporanea alle pareti e oggetti di design in bella mostra. Un felice connubio tra arte e cucina d’autore. Riccardo Quadri, classe 1994, è chef di esperienza, svizzero di Lugano, si è formato all’Alma di Gualtiero Marchesi, ha perfezionato il suo bagaglio di tecniche e conoscenze in cucine importanti, da Bernard Fournier a Carlo Cracco, al celebre Yannick Alléno. Due anni fa, ad ottobre del 2022, il gran passo, da chef a imprenditore, apre un locale tutto suo.

E lo fa nella strada icona di Brera. Non un ristorante tout court ma uno spazio versatile, pensato per incrociare una domanda non univoca e esigenze diverse di consumo. Quadri bistrot è l’indirizzo giusto per un pranzo tra amiche o per un business lunch; è un cocktail bar in stile newyorkese con una lista di spirits di alto livello e un debole per il Negroni, che viene proposto in ben cinque varianti e a cui è dedicato il venerdì sera. A cena è un fine dining: il piano inferiore accoglie tavoli con tovagliato elegante, luci studiate e un’atmosfera decisamente più intima e sofisticata. 

Ma veniamo alla cucina, rigorosa, contemporanea, poco incline a fronzoli ed effetti scenici. La carta è ampia, lo chef ci porta tra ingredienti e ricette che raccontano la sua curiosità e il suo percorso. L’esperienza francese ritorna qua e là, qualche suggestione nipponica, ma anche piatti identitari come il riso allo zafferano con midollo piastrato e lo spaghettone pomodoro e basilico. I ravioli sono un altro cult dello chef che si diverte a cambiare la farcitura, dal coniglio ai crostacei. Il riso al burro affumicato con limone salato e pepe nero è un piatto rigoroso che già nella sua parte olfattiva dispensa sensazioni intense.

Tre i percorsi di degustazione proposti, da 90 a 160 euro, wine pairing a parte. Per un approccio più easy, il bancone bar è una soluzione interessante e conviviale. La carta beverage è imponente (con bella proposta di sakè, whisky giapponesi e Gin), osate per un signature drink, 14 euro spesi bene e un ventaglio di miscelazioni interessanti. Poi à la carte ordinate le tapas dello chef: dall’avocado toast al plateau di ostriche. A ciascuno il suo.

Via Solferino 48, Milano
Da Martedì a Sabato – 12:00 – 14:30 | 18:30 – 00:00
Prenotazioni: +39 02 4775 5505 Email: info@quadribistrot.it  

Visited 57 times, 1 visit(s) today
Condividi

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti e inviti agli eventi sul mondo del Vino
Close Search Window
Chiudi