Scritto da 16:48 Wine News

Premio SOLE Veronelli a Casa Setaro

casa setaro premio

“La loro dedizione enoica ha rivoluzionato lo stile e la percezione di vitigni e vini del Vesuvio. Massimo Setaro e sua moglie Mariarosaria si sono dedicati profondamente alla salvaguardia di storiche cultivar locali a rischio estinzione, in primis il caprettone.”

Con questa motivazione la Guida Veronelli 2024 assegna il premio speciale SOLE alla Cantina Casa Setaro di Trecase (Napoli) e in particolare al suo Vesuvio Bianco Contradae 61.37 2020. SOLE è il premio più significativo e altamente simbolico della storica pubblicazione: ogni anno viene assegnato a soli 10 vignaioli italiani che hanno saputo, nel giudizio unanime dei curatori, trasformare un vino in un racconto, una testimonianza storica, culturale o creativa.

Il Vesuvio Bianco Contradae 61.37 2020 nasce da tre vitigni campani, da un progetto di zonazione e salvaguardia della biodiversità. Color giallo intenso dorato, al naso emerge una complessità olfattiva che spazia dai fiori gialli, erbe selvatiche e basalto. Al palato, è succoso, con una sapidità sferzante, condito da note che vanno dall’albicocca alla pesca integrale a fiori di ginestra, gesso e macchia mediterranea.
<<Ricevere il Sole della Guida Veronelli, il primo per me e per il territorio che rappresento, è un grande onore e orgoglio. È un incentivo per fare sempre meglio ed è una concreta conferma che il Vesuvio ha grandi potenzialità>>, così ha commentato Massimo Setaro.

La Guida Veronelli 2024 quest’anno presenta 16mila vini recensiti per un totale di 1.944 produttori descritti. A proposito di Casa Setaro si legge anche: “Casa Setaro si trova a Trecase, in provincia di Napoli, all’interno del Parco Nazionale del Vesuvio che dal 1995 è Riserva della Biosfera Unesco. Qui vigna e “casa” sono un tutt’uno. Massimo Setaro e sua moglie Mariarosaria ne sono i numi tutelari….La tutela della biodiversità è totale in un regime agricolo di assoluto rispetto del mondo vegetale. Il patrimonio ampelografico, nei loro 12 ettari di vigne storiche, e la loro conduzione è un’opera umana che sposa e accarezza la complessità unica del microambiente vesuviano. I Setaro sono, dunque, veri tutori di memoria e futuro, nel sincero amore per quella porzione di biosfera che è toccata loro in custodia”.

Visited 101 times, 1 visit(s) today
Condividi

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti e inviti agli eventi sul mondo del Vino
Close Search Window
Chiudi